Ecco il nuovo bonus assunzione giovani 2018

In arrivo un nuovo esonero contributivo triennale per l’assunzione dei giovani: ecco come funzionerà, quali aziende ne beneficeranno.

Torna, dal 1° gennaio 2018, lo sgravio contributivo triennale, meglio noto come bonus assunzione disoccupati: si tratta di un’importante agevolazione per chi assume lavoratori a tempo indeterminato, che consente di non versare i contributi Inps in misura piena. Lo sgravio, in particolare, sarà pari al 50% dei contributi dovuti dal datore di lavoro, avrà una durata massima di 3 anni e potrà essere fruito per le nuove assunzioni di giovani.

Ma vediamo nel dettaglio che cosa è previsto nella nuova normativa, attualmente in fase di studio.

Quali saranno i lavoratori interessati dal bonus assunzione?

Lo sgravio contributivo dovrebbe riguardare tutte le assunzioni a tempo indeterminato di giovani non aventi un impiego stabile. Attualmente i beneficiari della misura dovrebbero essere i giovani sino a 29 anni di età, ma si vorrebbe alzare questo limite sino ai 35 anni.

Quali saranno le aziende beneficiarie del bonus assunzione?

Potranno fruire del bonus, in base a quanto sinora noto, non soltanto i datori di lavoro del Mezzogiorno, ma tutti i datori di lavoro (aziende, professionisti ed enti diversi…), indipendentemente dalla regione in cui hanno sede. Il datore di lavoro, però, per poter beneficiare dell’incentivo all’assunzione, non dovrà aver effettuato licenziamenti nei 6 mesi precedenti: questa disposizione è volta a frenare l’utilizzo dei nuovi lavoratori interessati dal bonus come un “ricambio” dei vecchi dipendenti “a contribuzione piena”. In ogni caso, il nuovo dipendente interessato dallo sgravio non potrà essere licenziato per i primi 6 mesi.

Per beneficiare dello sgravio, poi, il datore di lavoro dovrà rispettare le condizioni già previste per i precedenti incentivi all’assunzione, ossia essere in possesso del Durc (Documento di regolarità contributiva), rispettare le leggi in materia di lavoro ed i contratti collettivi, etc.

Come funzionerà il nuovo bonus assunzione

Il nuovo bonus consisterà in uno sgravio contributivo della durata di 3 anni: per 3 anni, in particolare, i contributi Inps a carico del datore di lavoro saranno dimezzati, con un tetto massimo annuo di sgravio di 3.250 euro.

Riduzione dei contributi Inps per tutti

Sembra invece “tramontata” la proposta di uno sgravio contributivo generalizzato, valido anche per i lavoratori in servizio da anni. Si parlava, nel dettaglio, della riduzione di circa 3 punti percentuali dell’aliquota contributiva per tutti i dipendenti a tempo indeterminato.

 

by https://www.laleggepertutti.it/

FacebooktwittermailFacebooktwittermail